giovedì 21 giugno 2012

Sciopero 22 giugno 2012

Autobus e metro a rischio domani in tutta Italia. Previsto lo sciopero generale di 24 ore indetto dai sindacati di base su tutto il territorio nazionale ad esclusione dell'Emilia Romagna, colpita dal terremoto. Usb, Or.S.A., Cub, Cib-Unicobas, Snater, Usi e Si-Cobas hanno proclamato lo stop per l'intera giornata di tutti i lavoratori del settore pubblico e delle aziende private. Due manifestazioni si svolgeranno a Roma e a Milano. Il sindacato Orsa ha sospeso lo sciopero nel settore ferroviario ma lo mantiene negli altri settori.



Lo sciopero e' stato indetto "contro l'attacco alle condizioni e al diritto del lavoro, contro l'aumento della precarieta' e lo smantellamento dell'articolo 18; contro l'aumento delle tasse, l'Imu e l'aumento dell'Iva; contro l'attacco alla pensione, al diritto alla salute e alla sicurezza sui posti di lavoro; contro le politiche economiche e sociali del governo Monti e il ricatto del debito operato dalle banche e dall'Unione Europea". Durante lo sciopero saranno garantiti i servizi minimi essenziali. Per evitare ulteriori disagi alle popolazioni colpite dal sisma, dall'azione di sciopero e' esclusa la regione Emilia Romagna.

Dallo sciopero e' inoltre esclusa la Scuola, per il termine delle lezioni e lo svolgimento degli esami.



Nella pubblica amministrazione incroceranno le braccia per l'intera giornata i dipendenti di Ministeri, Universita', Ricerca, Enti Locali, Parastato (Inps, Inail, Inpdap, Aci), Agenzie Fiscali, Presidenza del Consiglio e Enac. Si fermera' dalle 10 alle 14 il personale operativo dei vigili del fuoco mentre il restante personale si asterra' dal lavoro l'intera giornata. Nella sanita', sia pubblica che privata, lo sciopero si svolgera' dall'inizio del primo turno del giorno 22 alla fine dell'ultimo turno dello stesso giorno. Nel trasporto aereo il personale navigante, turnista e gli addetti ai settori operativi incroceranno le braccia dalla mezzanotte alle 23.59, con il rispetto delle fasce di garanzia e dei voli garantiti; i lavoratori normalisti o non operativi per l'intero turno di lavoro.



Nel trasporto marittimo, per quanto riguarda i collegamenti con le isole maggiori, il personale amministrativo si fermera' per l'intero turno; il personale viaggiante da un'ora prima delle partenze del 22. Mentre per i collegamenti con le isole minori, lo stop del personale amministrativo sara' per l'intero turno e del personale viaggiante, dalla mezzanotte del 22 alle 24 del 22. I dipendenti del trasporto pubblico locale e del trasporto merci e logistica sciopereranno 24 ore nel rispetto delle fasce protette, localmente definite. A Roma, per favorire la partecipazione alla manifestazione, la prima fascia di garanzia terminera' alle 9 mentre rimarra' invariata la seconda fascia (17-20).



Nel settore ferroviario gli addetti agli impianti fissi e uffici si fermeranno per l'intera giornata del 22; il personale addetto alla circolazione dei treni dalle 21 del 21 giugno alle 21 del 22. La Commissione di Garanzia ha escluso dallo sciopero i treni a lunga percorrenza che attraversano l'Emilia Romagna e/o con partenze e destinazioni nelle province di Bologna, Modena, Ferrara, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo. Tutto il personale Anas, compreso quello turnista per l'intero turno a partire dalle 6 del 22 giugno alle 6 del 23. (AGI) .