domenica 20 marzo 2011

Interrogazione sulla Roma Lido


9 commenti:

  1. Mi chiedo se chi ha predisposto l'interrogazione urgente l'ha poi riletta... Nelle premesse si dice che "l'ATAC sta procedendo alla demolizione dell'intero parco vetture della Ferrovia Regionale Roma-Lido e del relativo materiale rotabile" mentre nel primo punto del considerato si rappresenta che "detto materiale è perfettamente compatibile con le caratteristiche della Roma-Lido" Certo, se il parco in demolizione era della Roma-Lido è ovvio che è perfettamente compatibile! Inoltre il citato esercizio effettuato sulla Roma-Lido con l'utilizzo di carrozze della metropolitana A dovrebbe riguardare le Frecce del mare, che invece da oltre un anno sono state ritirate in quanto pericolose (si aprivano delle crepe all'altezza dei carrelli).
    Cordiali saluti Stefano Pagliari

    RispondiElimina
  2. in effetti per essere una interrogazione e' alquanto strampalata.In piu' noi utenti della Roma lido dovremmo ancora una volta subire un servizio effettuato con alcune elettromotrici che hanno piu' di 50 anni e altre che sfiorano i 40...Personalmente non ritengo che la tratta in questione sia di serie B anche se in effetti cosi' e' trattata..Non si puo' far pagare la dabbenagine di alcuni amministratori che hanno buttato al mento decine di milioni di euro per ricostruire le MA100, al secolo Frecce de mare, consegnando alla cittadinanza mezzi obsoleti ..forse si capisce il motivo..chi viaggia sulla lido siamo noi e non loro....Saluti Piero Sgrulletta

    RispondiElimina
  3. Se il materiale rotabile (che da quanto si legge ha tra i 35 ed i 55 anni) è in via di rottamazione un motivo ci deve essere… non sarà forse che stiamo parlando di un ammasso di ruggine?
    Considerata la fine fatta dalle “Frecce del mare” che, peraltro, sono di più recente fabbricazione rispetto a quelle che si vorrebbero restaurare (mai definizione fu più corretta), lo spendere dei soldi per rimettere in servizio il vecchio parco vetture mi pare un’altra maniera per prendere in giro i pendolari.
    La parte più comica dell’interrogazione è, comunque, quella dove il membro dell’assemblea capitolina (che forse la ferrovia Roma-Lido non l'ha mai frequentata e, fose, neanche vista) dichiara che “le elettromotrici del 1956 e quelle del 1976 hanno un valore storico sul piano dell’immagine e potrebbero diventare delle icone pronte a radicarsi nell’immaginario collettivo”. E allora, caro consigliere, se stiamo parlando di storia, presenti una interrogazione con la richiesta di costruire un museo! Così le persone, vedendole, si renderanno conto (senza rischiare la propria incolumità come invece giornalmente accade a noi) di come i pendolari della Roma-Lido hanno viaggiato fino ad oggi, pagando regolarmente l’abbonamento all’ATAC e subendo per contro un servizio indecente!
    Un saluto Stefano Pagliari

    RispondiElimina
  4. La cosa che mi intristisce è la superficialità con cui quest'emerito incompetente ha scritto (o s'è fatto scrivere) quest'interrogazione. Non so neppure a quale schieramento apaprtenga. Non s'è degnato di rileggere e rendersi conto che s'è ripetuto senza dire nulla. E noi non risolveremo mai i nostri problemi delegando dei pigroni (nel migliore dei casi) che si riempono la bocca di chiacchiere ma non hanno mai preso un treno all'ora di punta.

    RispondiElimina
  5. L'interrogante è l'on.le Fabrizio Sartori, Consigliere dell'Assemblea capitolina, gruppo P.D.L.

    RispondiElimina
  6. Mi correggo, Fabrizio Santori

    RispondiElimina
  7. Ma cos'è tutto questo latrare? E' proprio vero, alle volte anche i siti seri si trasformano in pattumiere. Mah, aveva ragione il grande Eduardo, gli esami non finiscono mai!
    David

    RispondiElimina
  8. le elettromotrici del 1956 erano quelle che fino a 25 anni fa e più facevano servizio sulla linea B; oggi riposano nel cimitero di Magliana con una bella A maiuscola sui finestrini: cosa mai vorrà dire, quella A?

    RispondiElimina
  9. Caro David, ci spieghi perché il contestare, peraltro civilmente, un qualcosa che non favorirebbe certamente i pendolari ma relegherebbe ancora di più la linea Roma-Lido a tratta di serie B, venga da te definito "latrare"? Ma l'hai mai preso quel trenino? Non riesco poi a fare un collegamento tra i post da te contestati e "gli esami non finiscono mai" di Eduardo De Filippo. Infine, invece di criticare quello che scrivono gli altri, esprimi un tuo parere su come la linea possa essere migliorata senza riesumare vecchie carcasse arrugginite. Stefano Pagliari

    RispondiElimina