giovedì 9 dicembre 2010

Un viaggio allucinante

Oggi 9/12/2010 la Roma-Lido ha toccato il fondo.Ritardi mostruosi che hanno sfinito la gente e fatto saltare un tappo che si reggeva per miracolo.Il presentimento che qualcosa di grosso stava scucendo è stata la partenza per Roma sul binario 2 anziché 1 senza spiegazioni o avvisi. Il salto di 3 corse importanti con il concentramento di tutti su quella delle 7.50 partita alle 8.05.
L'arrivo alle altre stazioni cariche di gente che chiedeva una sola cosa....andare a lavoro.
Ora basta siamo stufi e stanchi del disservizio, ci possono chiedere tutto ma non di essere trattati come bestie.
Paghiamo il biglietto,l'abbonamento e pretendiamo il servizio.
Il comitato sta studiando la risposta ed un incontro potrebbe essere interessante.


Inviato da iPhone

28 commenti:

  1. allucinate è a dir poco!!!!
    e poi leggo sul giornale che i ritardi sono stati di 20-30 minuti....ma che cacchio scrivono !!!!
    ho il giustificativo che mi ha dato il capostazione e che dice ritardo di 45 minuti e non 20-30. (il treno doveva arrivare a Piramide alle 8:10 e invece è arrivato alle 8:55).

    Ma aumentare i treni, per poter essere sicuri che avendo un po' di margine la cosa non diventa così catastrofica.
    Poi noi di Acilia siamo in tanti per una sola stazione ..... quelli di Ostia trappoco ci odiano perchè saliamo in massa sul treno e ci spingiamo contro il malcapitati già presenti (quelli di Ostia) che ci insultiamo a vicenda. Perchè non far partire + corse da Acilia??? Una sola, quella della 8:10, è veramente una pagliacciata e poi a quell'ora (basterebbe anche 15-20 minuti prima). E poi se ci sono dei minimi problemi è la prima a saltare (vedi settembre/ottobre 2010).
    Nell'incontro farei presente anche la fantastica favola di una seconda stazione ad Acilia (quella Sud).....che fine ha fatto??? E' arrivata la matrigna con la mela avvelenata???
    Grazie

    RispondiElimina
  2. I ritardi e troppa gente, oltre a far viaggiare in maniera assurda, le persone che a quell'ora al 90% si recano al lavoro (me compreso), comporta una notevole diminuizione delle condizioni di sicurezza. Basti pensare, solo per fare alcuni esempi, al tempo di evacuazione di una carrozza sovraffollata, oppure ad una brusca frenata. La gente che paga un abbonamento, o semplicemente il biglietto, deve attendersi un servizio decente (e quest'anno è andato tutto bene nelle conseguenze dal punto di vista climatico...finora).
    Da notare, inoltre, che ogni volta che avviene un qualche intoppo sulla tratta, non viene mai data una informazione ufficiale, e lasciano i viaggiatori in balia degli eventi.

    RispondiElimina
  3. Vivendo queste problematiche, sto RIPENSANDO ALL'ABBONAMENTO. In un anno ho vissuto solo due controlli da parte dei "controllori". Se non avessi pagato il biglietto e se mi avessero scoperto in questi due controlli avrei pagato in totale 100 euro di multa.
    Il costo annuo dell'abbonamento è di 230 euro ... a conti fatti meglio fare i furbi.

    RispondiElimina
  4. io credo che a questo punto deve scendere in campo pesantemente la politica. Parlo di voi che presiedete il Comitato, ovviamente, ma anche di quei politici lidensi (Bonelli, Orneli, ecc) che siedono nelle stanze che contano e,come ho potuto constatare di persona, prendono il trenino per i loro spostamenti. Vi prego, fate qualcosa perchè da Settembre scorso sta ferrovia diventa sempre più uno schifo!!!

    RispondiElimina
  5. ahahah la politica. Poveracci! Ma ndov'annate! Quelli stanno al caldo nei gabbiotti e se la ridono guardando i conigli che si agitano nella casseruole!

    Che poi il coniglio in umido se se agita e' anche più bono!


    Augusto il coniglio

    RispondiElimina
  6. ANCHE OGGI l'ennesimo disservizio. Alle 9 ad Acilia la banchina era piena di gente, il treno in ritardo ed ovviamente quando è arrivato, in orario di comodo, era non solo superaffollato ma probabilmente era anche lo stesso che viaggiava nel dopoguerra: avete presente quelli vecchi, arrugginiti e sporchi? Beh peggio.
    Sono sempre più amareggiata e arrabbiata per le condizioni in cui ci fanno viaggiare mettendo anche a repentaglio la nostra SICUREZZA: mi domando se quei treni sono a norma, tenendo anche presente che spesso accolgono almeno il doppio delle persone previste. Ma tanto le mie domande rimarranno senza risposta, perchè ovviamente non esiste un numero, una email, un'indirizzo a cui inviare le nostre lecite domande e lamentele (sarà l'effetto della fusione Atac, Metro e Trambus??). Alla biglietteria delle stazioni, l'unico modulo che hanno per effettuare delle segnalazioni è quello con su scritto SUGGERIMENTI...ma ci prendono in giro? il mio suggerimento è di mandare a casa chi non è in grado di garantire efficienza e sicurezza nel servizio e rispetto ai cittadini. Perchè anche di RISPETTO si tratta: io pago regolarmente il mio abbonamento mensile, eppure non ci fosse una volta in cui trovo un cartello che mi informa di eventuali ritardi, disservizi o problemi di sorta e devo inoltre viaggiare come su un carro bestiame.
    Saluti

    RispondiElimina
  7. lo sfogo di tanti pendolari è giusto ma poi..... tutti a schiacciarci l'un l'altro come sardine in scatola quando andava fatta una cosa sola: bloccare il servizio per evidenti motivi di sicurezza. Ma quanti sarebbero stati d'accordo con una protesta così drastica e perdere ben un giorno di lavoro. Sfogarsi coi cari la sera o imprecare contro altri pendolari non serve a nulla. Anzi è una guerra tra poveri senza vincitori se non i soliti politicanti che sfruttano queste aziende per stiparle di parenti e amici il più delle volte totalemnte incapaci di qualsiasi azione in quanto incapaci e menefreghisti. Usciamo dalla protesta fine a se stessa e cominciamo veramente a fare azioni concrete senno non coambierà nulla.

    RispondiElimina
  8. Siamo solo una manica di coglioni, e lo sanno quelli dell'Atac.

    maurizio

    RispondiElimina
  9. Anche oggi il trenino della mattina era invivibile. Siamo stati sulla banchina dalle 7:40 alle 8 inutilmente al gelo, ammassati e arrabbiati. Ovviamente dopo che è arrivato in ritardo il numero delle persone a bordo era oltre i limiti della sopportazione, e totalmente oltre i limiti della sicurezza e vivibilità. La voce in stazione avvertiva che il successivo treno sarebbe passato dopo 10 minuti!! Ma dico io...nell'orario di punta, e in una città come roma è mai possibile che i treni passino ogni 10-20 minuti? Per giunta a bordo si sono susseguite liti e urla della gente giustamente stanca e stressata, ammassata addosso alle porte che quindi ad ogni stazione non riuscivano a richiudersi, rallentando ulteriormente il viaggio. Ormai da Lido Nord a Magliana ci si impiegano almeno 40 minuti. Tutto ciò è allucinante e c'è una totale mancanza di rispetto per il viaggiatore. Annunci come "a breve seguirà un altro treno" cosa mai significano?? A breve indica forse un quarto d'ora? Ma breve secondo quale parametro. Non si può continuare così. Non bastano i disagi causati dalla chiusura delle stazioni nel tratto lido centro-colombo?? O la chiusura da Acilia ad Ostia dopo le 21:30?? A tutti questi disagi aggiungiamo il resto? Ma siamo nel terzo mondo?

    RispondiElimina
  10. ero anche io sul trenino anche se oramai non lo chiamerei in altre maniere. Una sola parola SCANDALOSO.
    Continuo a scrivere all'ATAC e al Sindaco ma chiaramente non ho risposte. Ma perchè non fare una class action contro ATAC?

    RispondiElimina
  11. @Mrska e @Maurizio

    avete fatto anche voi il primo passo per capire il problema.
    Siamo dei coglioni. Punto e basta.
    Anche oggi urla, imprecazioni e pianti tra i pendolari coglioni. Risultato? ZERO.

    Nessuna pietà per i codardi. Atac vince, il pendolare perde.


    Augusto Schnitzel

    RispondiElimina
  12. A tutti noi ed a tutti voi che avete ed abbiamo scritto il nostro disappunto. PASSIAMO AI FATTI!!!!
    DOMANI, SE TUTTO QUESTO SI RIPETE, SCENDIAMO SUI BINARI E BLOCCHIAMO IL "SERVIZIO"!!!
    VOGLIAMO SPIEGAZIONI!! E SOPRATTUTTO RIVOGLIAMO IL SERVIZIO!!!

    Io sarò a lido centro tra le 07:30 e le 08:00
    Mi chiamo PAOLO ... chi di voi si aggrega?
    Poi definiamo meglio il punto di incontro.

    ps x il presidente del comitato:
    Ma dove sei? Batti un colpo se stai con noi e fatti sentire

    RispondiElimina
  13. Rieccone un altro di belle speranze. Eravate in tanti sui binari stamattina eh? N'hai smossi parecchi eh? Tu c'eri?
    Io ho visto solo cartacce e immondizia sui binari. Che poi non si discostano molto dal pendolare medio.

    Augusto Schnitzel

    RispondiElimina
  14. scusate ma ieri dopo il mio post ce n'era un'altro di tale Toni che parlava, se non errò di una class action contro trenitalia. Che fine ha fatto? Gradirei una risposta almeno per capire la serietà di questo blog.
    Per Augusto; incazzarsi con altri pendolari non serve cosi come non serve occupare i binari (si rischia una denuncia per interruzione di pubblico servizio). La class action resta l'operazione più corretta contro un'azienda gestita solo da chi pensa al proprio interesse. Ma chiaramente è un'operazione che i pavidi non vorranno mai fare. Nel frattempo facciamo sentire la nostra voce con le mail all'azienda , al sindaco, ai giornali....

    intanto vi posto l'articolo del messaggero sui fatti di ieri
    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=130912&sez=DILLOALMESSAGGERO

    RispondiElimina
  15. X Augusto ... da Paolo
    A commentare, a criticare sei bravo a sminuire il prossimo e te stesso (pendolare come tutti noi) sei bravo, molto meno bravo sei el proporre qualcosa di concreto che porti a dare evidenza delle pene a cui siamo sottoposti.
    Facce 'na cortesia .... STA ZZITTO che è mejo

    X mrska ... da Paolo
    Io perseguire entrambe le strade: 1)La class action che se è percorribile non è nei confronti di Trenitalia in quanto non è titolare di questo servizio. A te e soprattutto ad Augusto il promotore chiedo di informarsi per conto di tutti noi e darci poi lumi sul cosa fare per dare seguito alla azione di classe; 2)L'azione di forza ha da una parte la possibilità di prendersi una denuncia, ma ne dubito che questo sia fatto se ad occupare siamo in molti. Rimane comunque una strada estrema che può essere percorsa nel caso in cui quanto vissuto ieri si ripeti ulteriormente.

    RispondiElimina
  16. ..e oggi treni con il contagocce e fermi a magliana...tornato a casa e (da artigiano) perso incasso
    Carlo

    RispondiElimina
  17. Io oggi sono arrivato al lavoro solo perché ho trovato degli amici che andavano in macchina verso il centro... ovviamente ennesimo ritardo in ufficio.....

    RispondiElimina
  18. ...e se qualcuno ha parenti nel settore Roma-Lido
    magari potrà farci capire a cosa si devono EFFETTIVAMENTE questi ritardi. Altro che lavori ai pescatori...SCIOPERI BIANCHI? Forse dovremmo schierarci dalla parte dei macchinisti e non riempirli di parolacce, forse sono incazz quanto noi.
    Carlo

    RispondiElimina
  19. A me dei machinisti e di tutti gli impiegati non mi frega niente (e voglio essere garbato). Anche loro sono colpevoli del disservizio. Scioperano per i loro diritti, ma per i loro doveri, QUINDI I NOSTRI DIRITTI? Ovvero, quello di fare rendere la tratta sicura e di dare un vero servizio? Ovvero di rifiutarsi a trasportare le persone in quelle condizioni perchè c'è un sero rischio di incolumità NOSTRA e LORO? Ci devono dire cosa succede e non è possibile che ce n'è sempre una di spiegazione. SI DEVONO ORGANIZZARE, CI DEVONO RISPETTARE.

    PS X IL PRESIDENTE DEL COMITATO
    QAULE è IL TUO PROBLEMA? ... QUANTO TI PAGANO, COSA TI OFFRE L'ATAC PER NON FARE SENTIRE LA NOSTRA VOCE?
    ORGANIZZA UNA CLASS ACTION - DACCI VOCE - FACCI SENTIRE

    RispondiElimina
  20. @Paolo:

    l'hai presa bene eh? galoppa galoppa che arrivi.
    ah...io magno tranquillo che tanto ci sei tu che risolvi.

    TROTTARE!! SU SU

    RispondiElimina
  21. ho già informato l'associoazione Altroconsumo su come fare per fare una class action contro atac.

    Manifesto anche io dei dubbi nei confronti della presidenza di questo blog che non ha risposto alla mia domanda sulla class action ne da indicazioni di alcun genere su come fare per affrontare il problema contribuire a creare un forte comitato dei pendolari che esca dallo schema dello sfogo e tenti di trovare delle soluzioni concrete e condivise. magari facciamo da noi.

    RispondiElimina
  22. @mrska:

    ok bene, a parte questo blog, hai un posto dove ci possiamo tenere aggiornati sull'evolversi della situazione di Altroconsumo? Ci puoi dare qualche riferimento?
    Da queste parti ad esclusione di gente che piagnucola o che si indigna ancora non ho visto nulla di concreto, solo tante cazzate.

    Augusto il promotore (che magna tranquillo in attesa che Paolo risolva con l'azione di "sforzo")

    RispondiElimina
  23. X Augusto attento a magnà da solo che poi te strozzi. Comunuqe falla finita de fà lo spiritoso, che stiamo tutti sulla stessa barca.
    Un'ultima cosa oltre a proporre buone idee (vedi la class action), a magnà e a recriminare il prossimo, fa 'na cosa alza le chiappe da quella poltrona e informati anche tu sul cosa e come fare quanto proposto

    X Maruska
    Grazie per la concretezza e della info. Aspetto di leggere tue notizie sulla azione di classe.

    RispondiElimina
  24. @Paolo:

    tu, forse, non hai ancora capito il vero nocciolo del problema, oppure tenti di ignorarlo.

    Non vedo assolutissimamente la ragione per cui io debba muovere le mie comode chiappe dalla poltrona
    per contribuire nel portare avanti una causa PERSA.
    Lo sai perchè? Sull'amato "trenino" ci passo solo circa 2 ore
    della mia vita quotidiana... in fondo....chi me lo fa fare?

    La disarmante verità di tutto ciò la puoi verificare tu stesso, da solo, e in modo molto semplice.
    Tutto quello che occorre e che tu faccia attenzione ai tuoi colleghi pendolari, a loro modo
    di affrontare il problema, alle loro prospettive di soluzione. Guardali bene in faccia.
    Vale veramente la pena, secondo te, sbattersi per quella gente? Un ammasso piagnucolante di ipocrisia,
    chiacchiere, qualunquismo e menefreghismo, in perenne attesa che gli ALTRI facciano qualcosa
    per risolvere la situazione.
    L'hai verificato da solo no? Quanti c'erano con te il 16 dicembre a lido centro
    tra le 07:30 e le 08:00 per bloccare i binari?

    Io come probabilmente altri siamo giunti alla conclusione che il servizio che l'atac ci "offre"
    ce lo meritiamo, senza se e senza ma.

    Non metto in dubbio che tu sia mosso da principi ragionevoli, ma, consentimi di dirlo, non riuscirai
    a risolvere una benemerita ceppa perchè alla fine ti scontrerai con la massa di teste di cazzo che
    non hanno intenzione di muovere un dito. E tu da solo sarai INERME ed INUTILE.

    Sarei felicissimo di essere smentito con i fatti, nel qual caso ti beccheresti le mie scuse e pure
    una colazione/pranzo/cena pagata.

    Nel frattempo vediamo come si evolve la sitazione con Altroconsumo.
    In oltre ho saputo che domani, 18 dicembre, alcuni utenti si recheranno presso la stazione dei
    carabinieri di acilia alle ore 11 per discutere se presentare un esposto o una formale denuncia.
    Staremo a vedere in quanti saranno, prevedo fiasco annunciato. Purtroppo.

    Augusto il disilluso.

    RispondiElimina
  25. se la piantate di insultarvi e cominciaste ad essere uniti sul da farsi sarebbe meglio per tutti... comunque mi hano contattato da Altroconsumo. La class action è fattibile e abbiamo le carte in regola per farla: servono chiaramente persone e un avvocato che ci rappresenti. In merito alla gente da coinvolgere non servono cifre bibliche ma non si può nenache essere in 10 ma credo che una 50ina di persone siano rintracciabili e disposte ad entrare nell'impresa. Per l'avvocato qualcuno conosco ma se ci fosse un pendolare credo sia molto meglio almeno conosce la situazione. Ora tutto sta a concretizzare e capire quanti in realtà sono disposti a fare questo passo. La mia disponibilità c'è la cosa migliore penso sia incontrarsi e valutare le azioni da fare. Fatemi sapere

    RispondiElimina
  26. X mrska da Paolo

    Il tuo interesse per la class action merita sicuramente e come minimo i miei ringraziamenti.
    Ci sarebbero alcuni altri punti da chiarire sulla class action:
    costi dell'avvocato; tempi previsti per la sentenza ... ecc
    Le 50 firme non sono un obiettivo impossibile, ma, al momento mi sembra di capire che gli animi sono meno in fermento in conseguenza di un miglioramento nel servizio e delle festività ....
    Vediamo gli sviluppi

    RispondiElimina
  27. .e quel bel black out l'altra sera a Piramide?
    alle 18:40 salta la corrente alla stazione piramide e fino alle 20:00 non cid icevano che cosa fare.
    Tutto buio pesto tranne la luce nei due treni fermi. Alle 20 passate ci mandano sotto a prendere la metro per magliana per poi cambiare con il trenino per ostia. E alla partenza di una metro imprendibile,sfiorata tragedia!! Avanti ai miei occhi una ragazza per trattenere la sua borsa chiusa tra le porte della metro in partenza per poco finisce tritata...la borsa è andata...il fiume di pendolari stava per sfondare i bei convogli della nuova spagnola...bha!..quante ne vedremo ancora?

    RispondiElimina
  28. Per la class action vi deve autorizzare il giudice, ve lo hanno detto quelli di Altroconsumo?
    Cmq, se qualcuno fosse disponibile a conttatarmi
    maurizio.cancedda@libero.it
    o a farsi contattare per cercare di fare qualcosa.........

    Maurizio

    RispondiElimina