martedì 30 novembre 2010

Come non pagare il biglietto

9 commenti:

  1. PRIVATTIZZARE il "servizio" ... ma a prezzi popolari, tramite asta pubblica con concessione quinquennale al vincitore dell'appalto e possibilità di rinnovo decennale, replicabile, se adempie a:
    - migliorare la gestione; migliorare il funzionamento; migliorare la manutenzione; migliorare i mezzi di trasporto
    Sono certo che avranno tutti gli interessi a fare sparire i furbi che si accodano.
    Diversamente altra asta, nuovo gestore e pagamento di tutti gli oneri e costi che l'eventuale nuovo gestore vanterebbe per il riavvio del servizio!!!

    RispondiElimina
  2. Assolutamente contrario a privatizzare il servizio, l'Atac cosi' come altre aziende capitoline appartiene a TUTTI I CITTADINI ROMANI e la soluzione non e' svenderla a qualche affarista, gia' qualche anno fa la centrale del latte fu svenduta a quel gentiluomo di Sergio Cragnotti ed i risultati sono stati pessimi.

    La soluzione e' innanzitutto licenziare tutti quelli che sono entrati in Atac grazie a concorsi truccati, a concorsi su misura o a chiamate dirette (vedi parentopoli...), dopodiche' bisogna instillare un nuovo senso civico a partire dai lavoratori Atac che devono capire che combattere l'evasione significa anche tutelare i propri stipendi.

    lICENZIARE I FANNULLONI, QUESTA E' LA SOLUZIONE.

    Andrea Rossi.

    p.s.: noi cittadini invece possiamo segnalare agli operatori Atac i portoghesi e continuare a scrivere e denunciare.

    RispondiElimina
  3. Ciao Andrea,
    mi trovi d'accordo con te quando asserisci che la soluzione passa attraverso il licenziamento e che i dipendenti devono capire che il loro stipendio è pagato dai comuni cittadini e non dalle tasse dei cittadini.
    Ma tali compiti e attenzioni non saranno mai portate a termine fin tanto che questa azienda rimane in mano pubblica. Solo il privato ha seri e veri interessi e solo il vero privato non assume personale per vie clientelari. Inoltre non trovo neanche giusto e sopratutto non sta nei nostri compiti quello di fare da spioni. L'ATAC ha mezzi e personale preposti a tale scopo.
    Per me l'unica soluzione rimane:
    PRIVATTIZZARE il "servizio" ... ma a prezzi popolari, tramite asta pubblica (quindi aperta anche a privati dell'unione Europea) con concessione quinquennale al vincitore dell'appalto e possibilità di rinnovo decennale, replicabile, se rispetta criteri e condizioni ben precise altrimenti torna tutto come prima.
    Paolo Bianchi

    RispondiElimina
  4. dopo quello che HO SUBITO OGGI a gennaio salto anch'io i tornelli e poi vediamo se qualche guardia mi corre dietro.....str@@@@@

    RispondiElimina
  5. x Paolo Bianchi

    Caro Paolo, ricordiamoci pero' che l'Atac (cosi' come altre aziende pubbliche) E' NOSTRA nel senso letterale del termine e cioe' che la sovvenzioniamo noi coi nostri soldi e chi la metterebbe in vendita non saremmo noi ma I POLITICI con tutto quello che cio' ha sempre comportato, ricordi la svendita della Sip-Telecom a quei gentiluomini di Colaninno e soci ? Vogliamo parlare della centrale del latte ? Le privatizzazioni in Italia hanno portato solo peggioramenti del servizio per la gente MA AL TEMPO STESSO GRANDI AFFARI PER GLI SPECULATORI DI TURNO.

    Inoltre sei sicuro che un'azienda privata non assuma raccomandati ed amici degli amici ? Io per niente, conosco almeno 4 persone che sono state assunte in grandi supermercati solo perche' erano conoscenti del padrone del supermercato, e la stessa cosa accade nelle banche che come sai sono private.

    Inoltre alcune linee periferiche romane gia' sono state appaltate ai privati qualche anno fa, fu indetto un appalto regolare ? Boh...ho seri dubbi, il servizio per noi e' migliorato su quelle linee ? Ne dubito...E gli autisti di quelle linee stanno peggio o meglio dei loro colleghi Atac ? Stanno peggio pur svolgendo lo stesso lavoro, alla faccia dell'eguaglianza.

    Bisogna ricominciare i ladri-assenteisti ed i raccomandati anche a costo di mettersi contro il solito sindacato, noi oltre a scrivere possiamo anche votare e punire ad esempio i politici coinvolti in questa schifosissima vicenda parentopoli.

    Inoltre bisogna che anche all'Atac si facciano i concorsi pubblici (seri ovviamente).

    Andrea Rossi

    RispondiElimina
  6. X Andrea Rossi da Paolo Bianchi

    Ciao Andrea, seguendo i ltuo discorso non se ne esce.
    Ovvero, non hai nessuan fiducia per la gestione pubblica (cmi trovi totalmente d'accordo) ed ancor meno per quella privata (mi trovi parzialmente d'accordo). Conveniamo comunque entrambi su un punto, ovvero il servizio di trasporto della Roma-Lido è allo sbando, allo sfascio totale e bisogna che gli organi competenti facciano qualcosa, intervengano. Non mi interessa che il bilancio ATAC sia in rosso perpetuo, io pago per un servizio e lo pretendo come tale. Il Comitato dovrebbe organizzare qualcosa ed invitarci a renderci partecipi. Nella speranza di ottenere qualcosa.
    Se così non fosse il prossimo anno faccio il furbo. In un anno ho vissuto solo due controlli da parte dei "controllori". Se non avessi pagato il biglietto e se mi avessro scoperto in questi due controlli avrei pagato in totale 100 euro di multa.
    Il costo annuo dell'abbonamento è di 230 euro ... a conti fatti meglio fare i furbi.
    Paolo Bianchi

    RispondiElimina
  7. x Paolo

    Si e' vero, i controlli sono scarsissimi, e' vero a conti fatti converrebbe fare i furbi, questa e' una considerazione che ho fatto piu' volte anch'io ma nonostante cio' continuo a comprare e timbrare il bigliett, (sono un fesso ma amo troppo la mia citta'), nel mio piccolo cerco di combattere per migliorare il servizio, e lo faccio scrivendo, protestando oralmente e votando (per quello che vale...).

    Forse ci vorrebbe una grande iniziativa promossa magari da qualche associazione dei consumatori, magari uno sciopero del biglietto o qualcosa del genere...non so...

    Andrea Rossi

    RispondiElimina
  8. E secondo VOI il degrado che aleggia da anni presso le stazioni di Roma, sui treni e i continui disservizi sulla linea ROMA-LIDO derivano dal fatto che migliaia di Romani non pagano il biglietto???Ma finiamola con questa ipocrisia!!!Pensiamo piuttosto che quei pochi soldi che ci sono non vengono assolutamente investiti nel trasporto pubblico ma solo mangiati e messi in tasca!!

    RispondiElimina
  9. Condivido l'ultimo commento. Quelli precedenti invece sono solo il riassunto della mentalità italiana nel 2011: perbenista, moralista e con i paraocchi. Sono gli stessi che si scandalizzano se in TV esce uno spot con Rocco Siffredi che ironizza su una patatina fredda salvo però definire "normale" perchè "lo fanno tutti" il comportamento dei politici che rubano, vanno con le ragazzine, votano leggi anti costituzionali.

    Sull'ATAC stendo un velo pietoso. Finchè non mi ridanno la Metro A dopo le 21 i miei euro se li sognano ed i tornelli li salto anche io. E' vergognoso che per fare 10km dal lavoro a casa ci debba mettere anche oltre 2 ore aspettando anche quelle IGNOBILI navette chiamate MA1 ed MA2. Ma dove siamo? Ho viaggiato in quasi tutta Europa ma un simile disinteresse e scherno per gli utenti dei servizi pubblici continuo a vederlo solo in Italia e nel mio caso soprattutto a Roma. Poi però gli abbonamenti te li fanno pagare ed anche cari (fatela finita di dire che nessuno controlla, la maggior parte delle persone paga nonostante questo schifo) visto che a Parigi (14 linee di metro) un biglietto costa 1,50€ e qui (2 linee scarse) 1€...fate voi le dovute proporzioni...comunque vi assicuro che anche li c'è chi non la paga, e sono molti! Come mai ad Agosto dimezzano (per essere riduttivi) il trasporto pubblico ma i costi degli abbonamenti/biglietti rimangono gli stessi? In Agosto ho aspettato la Linea B anche 15 minuti...un vergogna... cercate di aprire gli occhi, non fate come i nostri governanti che se la prendono solo con i più deboli. Io invece di incazzarmi con un poveraccio che evade 1 euro di biglietti me la prendo con chi incassa soli da finanziamenti pubblici e poi se li intasca facendo si che Roma continui ad essere una città da terzo mondo sotto il punto di vista dei servizi...altro che Caput Mundi...

    E sia ben chiaro che amo la mia città quanto voi...

    RispondiElimina