venerdì 14 novembre 2008

Lettere dai pendolari. Rientro apocalittico.

Caro Andrea,
sono un utente fisso del trenino roma-lido e ho già avuto modo di scriverti (....).

Ti racconto l'esperienza di ieri per tornare a casa.

1^ PARTE: ore 15-17,30 (racconto di mia moglie)
Arriva a Piramide ed il servizio è sospeso a causa di un albero caduto sui binari a Vitinia.
NON c'è navetta sostitutiva poichè Via Ostiense e Via del Mare sono chiuse per allagamenti.
Queste notizie sono state fornite dal Capostazione.
Della serie: vatti ad impiccare! A casa non si torna fino a nuovo ordine.
In questo lasso di tempo l'unica via per arivare ad Ostia è la Cristoforo Colombo (a passo d'uomo, naturalmente).

2^ PARTE: ORE 18 in poi (esperienza diretta)
Servizio RALLENTATO sino a Vitinia.
Navetta sostitutiva Vitinia-Acilia, a causa dell'interruzione della linea per uno smottamento all'altezza di Bernocchi.
Partiamo alle 18,40 su un treno CAF strapieno ma, fortunatamente, grazie all'aruia condizionata si respira.
Viaggio rallentato e arrivo a Vitinia alle 19,10 (tra Tor di Valle e Vitinia la linea funziona a binario unico).
A Vitinia la scena è apocalittica: tutto il treno esce sulla banchina, l'altoparlante invita a non salire in stazione ma ad uscire dal cancelletto verde che immette sul piazzale esterno ove attende la navetta.

ho avuto paura: il cancelletto era veramente tale: un buco.
La gente spingeva, ombrelli aperti e non si vedeva nulla, bambini spaventati....il panico stava per esplodere poichè la massa non riusciva a defluire e la gente si innervosiva.
Fortunatamente io e un altro tizio siamo saliti sulle panchine e abbiamo gridato di non spingere che intanto si usciva tranquillamente e un pò di calma è tornata.
Siamo usciti fuori: un bordello pazzesco, nessuno ti diceva dove andare a prendere la navetta perchè, ovviamente, nel piazzale-parcheggio ove eravamo usciti non c'era nulla!
Qualcuno diceva di andare al grosso distributore Esso....la solita disorganizzazione!
Io, con mia moglie e svariate altre persone ci siamo incamminati sulla mezzeria della Via Ostiense in direzione di Acilia con il traffico bloccato in tutte e due le direzioni.
Inutile aggiungere che nel mio tragitto sino ad Acilia non sono mai stato sorpassato da una navetta. Ho solo visto 2 navette che procedevano a lumaca in senso inverso per raggiungere gli sfortunati che li attendevano al distributore Esso.
Risultato: sono arrivato a casa alle 20, mi sono fatto una doccia calda, ho cenato alle 21 con un buon brodo caldo e, ancora una volta, ho dovuto constatare che siamo un paese di m....
Scusa lo sfogo ma quello che è successo ieri è ingiustificabile.
non siamo nell'800 ma nel 2008!

Ovviamente oggi ho preso l'auto...bel risultato!

Un saluto
Jonathan

3 commenti:

  1. Ciao Andrea, anch'io ieri 13/11/2008 ho avuto una bellissima esperienza per il rientro a casa dopo una giornata di lavoro!!!!!!!!!!!!
    Dopo essere uscita di casa la mattina alle 6,20 e aver fatto una giornata di lavoro arrivo alle ore 15,40 alla stazione Piramide e trovo un bel cartello "SERVIZIO SOSPESO", tanta folla di gente sbigottita e nessuno, dico nessuno che ti sapesse dare una notizia su come fare per rientrare a Ostia!!!!!!!!!!!!
    Incontro un amico e insieme, ignari di tutto quello che succedeva per le strade che portavano a Ostia (Via del Mare e Roma fiumicino), decidiamo di andare a prendere a Ostiense il trenino per Fiumicino aereoporto. Scelta purtroppo molto sbagliata.
    Prendiamo il trenino alle ore16,50 e arriviamo a Fiumicino alle ore 17,30.
    Fiduciosi ci apprestiamo a raggiungere la pensilina dove avremmo potuto prendere il bus del Cotral direzione Ostia.
    Comincia a piovere anche copiosamente; intorno a noi ancora tante facce sbigottite di gente che pensa che siamo nell'anno 2008 e non nel 1850!!!!!!!!!!
    Intorno a noi un ingorgo pazzesco di auto private, taxi e pullman che come noi volevano raggiungere Ostia!!!!!
    Prendiamo l'agognato autobus alle ore 18,30 e per fare circa 100 metri ci mettiamo un'ora!!!!!!!!!!!!!!
    Insomma, per farla breve....................arrivo alla fermata davanti a Cineland alle ore 20,50 dove c'era quell'anima pia di mio marito ad aspettarmi con la macchina per tornare ad Ostia Antica, dove abito.
    Riesco a mettere piede a casa mia alle ore 21 !!!!!!!!!!!!!!

    BENISSIMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!! IN 24 ANNI DI VIAGGI SULLA LINEA ROMA LIDO NON MI ERA MAI CAPITATA UNA SITUAZIONE DEL GENERE!!!!!!!!!!!!
    BRAVI A TUTTI QUELLI CHE FANNO DELLA ROMA LIDO UNA LINEA ALL'AVANGUARDIA E MODERNA!!!!!!!!!!(SI' MA DELL'ANNO 1800!!!!!!!!!!)
    Scusa dello sfogo e grazie per le notizie che riuscite a darci con il vostro sito!!!!!!!!!!!!!!!

    Carla

    RispondiElimina
  2. Anche io usufruisco ogni giorno del servizio Roma Lido e non capisco perchè la gente parli di linea non all'avanguardia riferendosi a incidenti che possono capitare anche sulle ferrovie più moderne! Cosa c'entra la modernità di una linea con un servizio sospeso a causa dell'eccezionale maltempo? Il treno non è un aereo che può sorvolare un nubifragio! Se la ferrovia è impraticabile per il maltempo o perchè un albero è caduto sui binari è dovere del personale sospendere il servizio perchè la priorità deve essere data alla sicurezza! Chi se la prende la responsabilità di far partire un treno in situazioni di mancanza di sicurezza con il rischio di deragliamenti? Smettiamola di prendercela con il personale che deve solo applicare il regolamento.

    RispondiElimina
  3. Anonimo ha ragione! Anche io sono un pendolare della Roma Lido. Preferisco rimanere a terra e andare con altri mezzi al lavoro che finire sulla cronaca nera per un incidente ferroviario che si poteva evitare.
    Massimo

    RispondiElimina